Novità in campo immobiliare dalla Legge di Stabilità 2017

Sabato, Febbraio 11, 2017

 

Legge di Stabilità 2017 casa: le agevolazioni per gli immobili della nuova Finanziaria

Il governo ha posto tra i pilastri della legge di Bilancio per il 2017, alla ricerca di un rilancio dell’economia e di quell’1% di crescita del Pil programmata nel documento di variazione al Def, gli interventi nell’edilizia, concentrando su di essa gran parte degli investimenti pubblici.Innanzitutto, è stato confermato l’Ecobonus, con un orizzonte temporale che ora arriva fino al 2021, consentendo di programmare le manutenzioni delle case con tutta calma. La norma prevede la detrazione del 65% del costo, fino a 40.000 euro per appartamento. Per i condomini, la percentuale sale al 70% se gli interventi riguardano il “cappotto”, ovvero l’involucro dell’edificio e al 75% se viene comprovato con certificazione il miglioramento della prestazione energetica invernale ed estiva. Saranno anche previsti controlli a campione. La detrazione viene spalmata, come di consueto, su dieci anni.Ha un’orizzonte di cinque anni per il recupero, invece, il “sismabonus”, che continuerà a partire dal 50%, ma potrà arrivare fino all’85% (per i condomini, all’80% per abitazioni singole) se gli interventi di miglioramento saranno tali da salire di 2 classi di rischio, secondo le linee guida che metterà  a punto il Ministero delle Infrastrutture. Se si sale di una classe, invece, si potrà recuperare il 75% della spesa (il 70 per abitazioni singole). Anche in questo caso l’agevolazione è “stabilizzata” fino al 2021, sia per i condomini sia per le abitazioni singole. Il tetto di spesa è di  96.000 euro per ciascun anno.Il “sismabonus” è esteso anche alle seconde case e alle attività produttive che si trovano nelle zone sismiche 1 e 2 (ad alta pericolosità), ma anche nella zona 3. Tra le spese detraibili rientreranno anche quelle per la classificazione e verifica sismica. Sarà, inoltre, possibile cedere la detrazione sulle parti comuni dei condomini a soggetti terzi. La cifra complessiva prevista per finanziare gli interventi di adeguamento antisismico si aggirano su 1,5 miliardi di euro.Confermati per il 2017 il bonus per le ristrutturazioni al 50% e quello per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici (dentro le ristrutturazioni), sempre al 50 per cento. Per tutto l’anno prossimo resterà in vigore anche il “bonus mobili” per le giovani coppie (almeno uno dei due deve essere sotto i 35 anni).Sul fronte dell’edilizia pubblica, inoltre, nella legge di Bilancio ci sono i progetti per la riqualificazione delle periferie. Sono in tutto 120 e valgono 2,1 miliardi (dei quali 1,6 arriveranno dal fondo sviluppo e coesione). E, ancora, sono confermati 7 miliardi in 7 anni per far fronte al dissesto idrogeologico.·    Sismabonus 2017Bonus fiscale dal 50 all'80% (85% per i condomini) per gli interventi di adeguamento sismico che implichino la riduzione della classe di rischio dell'immobile.·    Detrazioni Irpef ristrutturazioni edilizie 2017Proroga della detrazione fiscale del 50% per gli interventi di ristrutturazione edilizia fino a un massimo di 96.000 euro. Dal primo gennaio 2018 la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36%, con un tetto massimo di 48.000 euro.·    Bonus mobili legato ai lavori di ristrutturazioneSi proroga la detrazione al 50% per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici di classe energetica non inferiore alla A+ (A per i forni) finalizzati all'arredo di immobili oggetto di ristrutturazione.·    Fondo garanzia acquisto prima casaConfermate le agevolazioni per i mutui destinate agli under 35, sia giovani coppie che single con contratti atipici, che usufruiranno di una garanzia statale del 50% presso le banche aderenti al progetto.·    Ecobonus 2017, come funzionaSono state prorogate al 31 dicembre 2017 le agevolazioni fiscali del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici.·    Addio al bonus per le giovani coppieNella legge di stabilità non è stata prorogata la detrazione per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici con destinatari le giovani coppie under 35.

Per chi acquista e poi affitta immobili a canone concordato è ancora disponibile lo sconto IRPEF del 20% (art. 21 del D.L. n. 133/2014, con istruzioni nel DM 8 settembre 2015, in Gazzetta Ufficiale n. 282/2015). La deduzione spetta in caso di acquisto, costruzione o ristrutturazione di unità immobiliari da destinare alla locazione.Possono essere portati in deduzione, sempre pari al 20%, anche gli interessi passivi sui mutui stipulati per l’acquisto delle stesse unità immobiliari.Possono beneficiarne le persone fisiche non esercenti attività commerciale, su spese sostenute dal 1° gennaio 2014 fino al 31 dicembre 2017, per un massimo di 300.000 euro.Il beneficio fiscale va ripartito in 8 quote annuali di pari importo, partendo dall’anno in cui viene stipulato il contratto di locazione.

. Contratti a canone agevolato : vedi cartella dedicata all'argomento